Olio extravergine di Sicilia

Olivo ~ Vendita olio extravergine d'oliva biologico di Sicilia

Vendita online di olio extravergine di Sicilia

Produzione olio extravergine di oliva Acquista l'olio on line Scarica GRATIS la nostra guida sull'olio d'oliva

Vendita olio
extravergine di
oliva siciliano

La guida sull'olio di oliva

tutti gli articoli in unica guida da scaricare gratis (download PDF 2.8 MB)

Tu sei qui: Home > La storia dell'olio di oliva

La storia dell'olio di oliva

L'olio d'oliva, condimento d'elezione della cosiddetta "dieta mediterranea", è un alimento prezioso sia per la sua azione salutare sul nostro organismo, che per le sue qualità organolettiche.

La coltivazione dell'olivo pare abbia avuto origine in epoca antichissima nella zona compresa tra l'acrocoro Armeno, il Pamir e il Turkestan, da dove si sarebbe poi diffusa nei paesi costieri del Mediterraneo.

Coltivazione di olivi

Coltivazione di un oliveto in Sicilia

La coltivazione dell'olivo si praticava già a Creta nell'età minoica (3000-1500 a.C.), in Egitto nel 2000 a.C. e in Palestina nel 1000 a.C.

Furono i Fenici che tra il IX e l'VIII sec. a.C. introdussero l'olivicoltura in Grecia e i Greci la introdussero in Sicilia.

In Grecia l'olivo era sacro per Minerva, dea della Sapienza e della Salute, e in Sicilia, narra una leggenda, fu la dea Cerere che insegnò al pastore Aristeo la coltivazione dell'olivo e la spremitura dell'olio.

Nella Bibbia leggiamo che fu una colomba recante nel becco un ramoscello d'olivo ad annunciare a Noè la fine del diluvio universale.

La Pasqua cristiana ha nel ramoscello d'olivo il simbolo della pace. Nella liturgia cattolica, poi, l'unzione con l'olio santo è prevista in funzioni di particolare importanza.

Una tradizione ormai collaudata attribuisce dunque all'olivo un posto di prestigio tra le piante utili all'uomo e gli assegna una simbologia nei rituali religiosi.

La produzione mediterranea, che ha avuto in Grecia ed in Sicilia le sue origini più antiche ed illustri, ha nell'olio d'oliva un condimento base che ha conservato nei secoli il suo alto valore, specie oggi che ne conosciamo tutte le proprietà.

Il Casale di Emma è una una villa per matrimoni immersa nella storia antica della Sicilia centrale

In Italia tre regioni, Puglia (36 %), Calabria (16%) e Sicilia (11%) detengono oltre il 60 % della superficie totale coltivata ad olivo. Le zone collinari dell'interno della Sicilia sono l'habitat ideale dell'olivo per la costituzione morfologica del terreno, argilloso e sabbioso, e per il clima asciutto e ventilato. Le varietà coltivate sono tra le più pregiate.

L'olivo è una pianta secolare che ha lunghi tempi tecnici di entrata in piena produzione; ha bisogno di potatura, di concimazione e di un andamento climatico favorevole, perché siccità e gelate danneggiano la produzione, arrecando enormi danni agli olivicoltori.

Gli olii d'oliva vergine ed extravergine sono prodotti assolutamente genuini, ottenuti dalla semplice spremitura delle olive con procedimenti di tipo meccanico e fisico, senza additivi chimici lo rendono un'olio biologico di Sicilia di ottima qualità.

Infatti le olive, dopo essere state mondate e lavate, vengono ridotte dal frantoio in una pasta dalla quale si ricava il 60-70 % dell'olio totale, il cosiddetto olio vergine, che ha un grado di acidità, espresso come acido oleico, non superiore al 4 %.

Tra gli olii vergini eccelle l'extravergine, che ha un grado di acidità non superiore all'1% ed è pertanto l'olio migliore in assoluto, perché all'alta genuinità aggiunge proprietà organolettiche particolarmente raffinate.


Per approfondimenti scarica, GRATIS, la nostra "guida sull'olio di oliva"

Scarica la guida sull'olio extravergine di oliva

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DI SICILIA

olio e dieta mediterranea, qualità organolettiche olio, olio extravergine d'oliva biologico, olio siciliano

 

 

Ideazione e realizzazione siti web - CLIC ~ Consulenze per il Web Marketing

Posizionamento sui motori di ricerca a cura di A. Argentati ~ Consulente per Internet